Caponet | Piedmontese cabbage roll

caponet2

Qualcuno se ne sarà già accorto perchè gli ho inondato la bacheca di foto e tweets martedì 16 Ottobre, dove ho partecipato a #saporitorinesi ( presto su questi schermi).

Io ho scelto di presentare questo piatto che come ho spiegato anche davanti ai giornalisti,  è per me simbolico soprattutto in questo periodo storico, il caponet infatti nasce come piatto di riciclo, quando con la poca carne avanzata si faceva un piatto per il giorno dopo unendo altri avanzi. Io amo il caponet, è gustoso, ma allo stesso semplice, non appesantisce e ti soddisfa con il suo gusto ricco, ma soprattutto è versatile, infatti dipende da cosa di ha in frigo, e si crea ogni volta qualcosa di nuovo, la mia versione è fatta con un arrosto all’aglio e vino bianco semplicissimo e il prosciutto, ma il salame cotto è perfetto! che caponet (o capunet, o coj pin) sia!!!

Cabbage rolls are one of my favourite food. Healthy, easy and tasty.
It’s a traditional dish of Piedmontese cuisine, old fashioned made with roast rest, ham or cooked salami, egs and all you fridge have inside! the annoying moment is divide the leaves from the cabbage better possible. It’s a very long work!! But this fatigue will be pay when you taste the flavour of this roll!

caponet

{ ingredienti }

per l’arrosto:  200 gr di arrosto • 1 bicchiere di vino bianco • 1 spicchio di aglio • acqua • sale • olio Per il ripieno: 100 gr di prosciutto cotto • 2 cucchiai di grana • 1 piccola cipolla • 4 foglie di cavolo intere • 100 gr di cavolo tritato • sale • pepe • 2 uova • burro • aglio

Per prima cosa facciamo un “arrosto veloce” in una casseruola scaldate uno spicchio di aglio in un poco di olio, poi fate rosolare su tutti i lati la carne. quando si sarà colorito versate il vino e coprire, lasciando cuocere a fuoco lento, se vedete tutto il vino consumarsi aggiungete altra acqua.

Dopo un oretta tagliate l’arrosto a fette e disponetele sul fondo nella casserula così da fargli completare la cottura e anche fargli assorbire tutto il suo fondo. In una pentola di acqua salata sbollentate le foglie intere di cavolo per 3 minuti, poi lasciatele riposare su un tagliere appiattite. A questo punto tritate il prosciutto, l’arrosto con metà del vostro aglio (togliete l’anima) e date una tritata anche al cavolo e alla cipolla. Mescolate poi tutto il tritato in una ciotola e aggiungete il grana  e l’uovo, facendo un’impasto morbido ma compatto.

Ora tagliate a metà le foglie di verza, eliminando la nervatura centrale , disponete un pò di ripieno al centro compattandolo e poi chiudete a pacchettino. Una volta che tutti gli involtini sono pronti, in una padella antiaderente fate scaldare 30 gr di burro con uno spicchio di aglio. e adagiatateli. Quando coloriscono da un lato, girateli dall’altro, una volta unti e coloriti, disponeteli su una teglia da forno e passateli per 10 minuti a 180°C con una spolverata di grana. Saranno buonissimi subito, ma ancora più buoni il giorno dopo!! Sono perfetti da preparare il giorno prima se avete ospiti.

caponet3

{ ingredients }

200 gr of cooked roast beef • 100 gr of cooked ham • 2 tbs of grated parmesan cheese • 1 small onion • 4 cabbage leaves • 100 gr of cabbage • 2 eggs • salt • pepper • butter • garlic



In a pot put water and boil the whole leaves of cabbage for 3 minutes, then let rest on a cutting board flat. Chopped ham and the roast beef with half of your garlic and add chopped cabbage and onion as well. Then mix all chopped ingredients in a bowl and add the cheese and eggs, making a soft misture.

Now cut in half the cabbage leaf, removing the center rib, put a bit of filling in the center compacting it and then close.  Once all the rolls are ready cook in a pan with 30 g butter and a clove of garlic. After a couple of minute , arrange on a baking sheet and bake for 10 minutes at 180 ° C. Will be very good right away, but even tastier the next day! Are perfect to prepare the day before if you have guests.

19 commenti

  1. Adoro i caponet! Che bel piatto autunnale!

  2. Che ricettina appetitosa!!!

  3. Ely dice: Rispondi

    Sei davvero fantastica. Mai, mai, riuscirei a farli stare insieme come te! Altro che destruttrazione sarebbe la mia.. 😀 Complimenti. Di cuore!

  4. Good looking dish! Cabbage rolls can be wonderful, and your recipe looks great. Thanks so much.

  5. Che bella ricetta! PS mi sono appena iscritta al tuo blog!

  6. ora è arrivato il loro periodo!!! siiiii!!! io non li mangio da molti, ma mi sono innamorata subito!

  7. grazie!! 🙂

  8. in realtà il cavolo cotto giusto aiuta tantissimo a farli rimanere interi, perchè essendo umido si attacca alla farcia che è avendo l'uovo è bella appiccicosa, magari il primo viene male. ma se ci riesco io possono farlo tutti!!

  9. it's sooo tasty..you can try too prepare it next time you have remnant roast beef!! so you can say that you cooked a traditional recipe of north Italy cuisine 🙂 it's not really common but for me is one of the best!

  10. grazie mille, adesso allora vengo a sbirciar da te!!

  11. Ho ricevuto uno splendido cavolo, credo che stasera sarà farcito e trasformato in capunet con questa ricetta 🙂

  12. se non hai l'arrosto fai quello supersemplice che ho scritto!! io lo amo leggermente aglioso!! sta sera tortizzo pr domani!!

  13. Sono una donna fortunata! :-)(ma l'aglio no, nella mia cucina non entra… so che per una cuoca provetta come te può essere un'eresia, ma… gnafo!)

  14. io non sono una fan dell'aglio ma delle volte ci va proprio…allora domani niente torta all'aglio! peccato 🙂

  15. Sembra ottimo!

  16. sono buonissimi anche il giorno dopo in un paninazzo…ma non dirlo ai piemontesi doc 🙂

  17. Li ho fatti anche io, ma ora ti copio qualche trucchetto 🙂 la prox volta li passo in padella come fai tu!

  18. li preferisco passati in padella poi infornati…perchè aglio per benino il burro e rimangono moooolto saporiti 🙂

  19. […] perlaceo. Altamente versatile e con buona capacità di crescita quindi perfetto per i ripieni ( se volete vedere la ricetta originare dei capote trovare la ricetta qui ). Aspetto i vostri assaggi […]

Rispondi